Now Reading
La Collina delle Croci, uno dei luoghi più suggestivi al mondo

La Collina delle Croci, uno dei luoghi più suggestivi al mondo

  • tra i luoghi più suggestivi al mondo
  • a metà strada tra Riga e Vilnius
  • si recò il papa in pellegrinaggio nel 1993
collina-delle-croci siauliai

Situata a breve distanza dalla cittadina di Siauliai, la Collina delle Croci, in Lituania, è un sito davvero unico, dal forte impatto emotivo e probabilmente uno dei più suggestivi in tutto il mondo. Meta di pellegrinaggio molto frequentata, questa collina possiede un grande valore storico, patriottico e religioso.

collina delle croci cosa vedere

La località precisa è la Collina di Jurgaičiai, un piccolo colle che, nel corso degli anni, è divenuto un vero punto di riferimento per i lituani: un luogo dove commemorare e rendere omaggio a chi fosse caduto per la patria. La tradizione di piantare una croce su questa collina perdura da qualche secolo, ma è solo nel Novecento che tale consuetudine si è trasformata in un vero simbolo di identità nazionale.

collina delle croci tramonto

Attualmente, sulla Collina delle Croci si trovano oltre 400mila croci di ogni tipo, piantate nel corso degli anni senza alcuna connessione logica: dalle semplici croci in plastica o ferro prodotte in serie, alle vere e proprie opere d’arte, monumentali e di grande valore.

 

 

Le origini della Collina delle Croci

Pare che le prime croci vennero poste dagli abitanti locali per rendere omaggio ai caduti nei conflitti del 1831 e del 1863, verificatesi in seguito alle proteste del popolo contro il regime dello zar, e che nei primi anni del Novecento si contassero poco più di un centinaio di croci.

Una leggenda locale narra inoltre che un giorno, sulla collina fosse apparsa la Vergine Maria, richiamando un numero ancora maggiore di pellegrini.

Nel periodo della sottomissione al regime sovietico, le croci vennero più di una volta distrutte, bruciate, fuse o frantumate, arrivando quasi a spianare la collina.
Tuttavia, questi interventi non fermarono mai le intenzioni dei fedeli, anzi, servirono solo a rafforzarle: il popolo riportava le croci sulla collina in breve tempo, spesso di nascosto e senza preoccuparsi delle possibili persecuzioni, e all’epoca della caduta del regime sovietico, le croci sulla collina erano già in numero superiore alle 90mila.

 

Arrivare alla Collina delle Croci: un’esperienza emozionante

Oggi la Collina delle Croci ospita centinaia di migliaia di croci di ogni genere, dimensione, stile e materiale, e già lungo il sentiero diretto al colle, quando le prime croci iniziano a farsi vedere, si percepisce l’atmosfera sacra e suggestiva di questo luogo.

collina delle croci come arrivare

Poi, quasi all’improvviso, la collina appare in tutta la sua magnificenza, completamente coperta di croci in legno, metallo, cemento, piccolissime o enormi, semplici o accompagnate da rosari, messaggi, fotografie, perfino giocattoli.

tabernacoli collina delle croci

Le croci sono ammassate senza alcun nesso, è impossibile identificarle e perfino contarle e si riferiscono ad ogni genere di accadimento, in gran parte si legano al ricordo di famigliari e amici morti in guerre, conflitti e attentati, compreso il crollo delle Torri Gemelle.

collina delle croci in inverno

Tra le croci si distinguono a tratti anche piccoli altari, Madonne, angeli, statue di Cristo: una sorta di “bosco” costruito interamente da tabernacoli e immagini sacre.

 

La visita di Papa Giovanni Paolo II alla Collina delle Croci

Nel 1993, nel corso della sua visita in Lituania, il Papa Giovanni Paolo II si recò personalmente in pellegrinaggio alla Collina delle Croci per rendere omaggio al luogo e celebrare la Santa Messa, lasciando come ricordo e ringraziamento una grande croce in legno e granito.

collina delle croci papa giovanni paolo II

Accompagnato dall’Arcivescovo di Vilnius, il Pontefice paragonò la Collina delle Croci al Golgota, il luogo della morte di Cristo, descrivendola come un Santuario appartenente al mondo intero e un simbolo della storia dell’Europa.

 

Prezzo e Tour organizzati

L’accesso alla collina è gratuito. E’ previsto il solo pagamento del parcheggio (meno di 1 euro per automobile).

Esistono diversi tour organizzati alla Collina delle Croci che partono direttamente da Riga o da Vilnius e durano una giornata intera. Se siete arrivati sul luogo con i propri mezzi è possibile anche prenotare una guida per un paio d’ore, per essere certi di scoprire tutta la storia ed i segreti di questa affascinante località.

 

 

Come raggiungere la Collina delle Croci

Per percepire l’emozione e l’atmosfera mistica e sacra della Collina delle Croci, è necessario vederla da vicino. Raggiungerla è piuttosto facile sia da Riga, in Lettonia, che dalla capitale della Lituania, Vilnius, così come dal porto di Klaipèda, in Lituania, sul Mar Baltico, dove spesso transitano e sostano le navi da crociera provenienti anche dall’Italia.

Siauliai si trova circa a metà strada tra Riga e Vilnius, e costituisce una tappa caratteristica in un tour che tocchi queste due città.

Ovviamente, essendo una meta di pellegrinaggio, l’ingresso è libero, e non esiste un itinerario fisso per percorrerla: una volta arrivati sul posto, l’unica cosa da fare è quella di lasciarsi catturare dall’atmosfera mistica e addentrarsi tra le croci.

Da Riga alla Collina delle Croci

Dalla città lettone di Riga alla Collina delle Croci la distanza è di poco superiore ai 100 Km. Per raggiungerla si possono utilizzare gli autotrasporti pubblici: il tempo necessario è di circa 2 ore e mezza da Riga a Siauliai. A tale punto si può ricorrere ad un autobus locale per avvicinarsi alla Collina, che dista da Siauliai una decina di chilometri e alla quale si arriva comunque a piedi, rispettando la tradizione del pellegrinaggio.

Da Vilnius alla Collina delle Croci

Anche dalla capitale lituana è disponibile un servizio di autotrasporti pubblici che permette di arrivare a Siaulai, per poi raggiungere la Collina delle Croci direttamente a piedi o usufruendo di un autobus locale.

Ugualmente a quanto avviene arrivando da Riga, l’autobus si ferma lungo la strada principale e per arrivare alla Collina occorrono circa quindici minuti a piedi.

Da Vilnius a Siauliai, in un tempo di poco superiore alle due ore, si può arrivare anche in treno, per poi percorrere l’ultimo tratto in taxi o in autobus.

Noleggiare un automobile

L’automobile è il mezzo più semplice e pratico per arrivare alla Collina delle Croci, al cui ingresso si trova anche un ampio parcheggio. La scelta ideale è quella di noleggiare un’auto, eventualmente con autista, per arrivare, da Vilnius o da Riga, fino alla Collina in poco più di due ore e mezza.

 

Cosa vedere a Siauliai

Siauliai è la quarta città per grandezza e abitanti della Lituania, è nota soprattutto per la Collina delle Croci, situata a circa dieci chilometri di distanza, ma è anche una località molto bella e ricca di fascino, frequentata ogni anno da un grande numero di turisti.

iron fox lituania scultura

La città costituisce inoltre un ottimo punto di partenza in un tour che segua la costa del Mar Baltico.

Oltre al centro storico, ricco di chiese, palazzi e monumenti, tutta la città ospita siti e luoghi interessanti, originali e curiosi. Da non perdere è il Museo della Bicicletta, dove si trovano bici di ogni modello e stile, il Museo della Fotografia, dove una parte del percorso espositivo è dedicato ai fotografi lituani, e il Museo della Radio e della Televisione, dove si trovano apparecchi radio e fonografi risalenti all’inizio del Novecento. Un altro museo particolare è il Museo Ausra, dove è possibile ammirare una collezione di sculture tradizionali lituane pittoresche e singolari.

La Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, non distante dal Museo Ausra, si distingue per il caratteristico campanile bianco, alto 75 metri.

Imperdibile una visita a The Iron Fox, la scultura a forma di volpe che si trova vicino al lago Talkša installata nel 2009.

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.


© Copyright 2020 OnlineTravel  | Made with ♥ in Italy - P. IVA: 04021000981

 

Scroll To Top