Lahemaa National Park: Cosa Vedere nel Parco Più Bello d’Estonia

  • a solo 1 ora da Tallinn
  • raggiungibile in auto o con tour organizzato
  • ideale per chi ama il trekking
lahemaa-national-park-estonia

Il Parco Nazionale di Lahemaa è stato il primo parco nazionale ad essere istituito, nel 1971, dall’ex Unione Sovietica. É il più grande parco nazionale dell’Estonia oltre che uno dei maggiori di tutta Europa, ed è stato volutamente mantenuto in uno stato naturale, quasi selvaggio, evitando qualsiasi tipo di manutenzione invasiva.

laheema-park-mappa

All’interno del parco vivono liberamente diverse specie di animali, alcune delle quali molto rare e protette, tra cui cicogne e altri uccelli migratori, alci, cervi, lupi, orsi e linci.

Lahemaa, che nella lingua estone significa “terra delle baie”, è una meta irrinunciabile per tutti coloro che amano la natura e gli animali, ma merita comunque una visita, anche di una sola giornata, per chiunque si trovasse di passaggio a Tallinn.

Il meglio del Lahemaa National Park | Top 4

  • la palude di Viru
  • la penisola di Käsmu con il villaggio di marinai il bosco e i sentieri
  • il percorso di trekking di Oandu
  • il villaggio dei pescatori di Altja

LAHEMAA: 9 COSE DA VEDERE ASSOLUTAMENTE

 

01 Jägala Waterfall
Cascate

Parco-Nazionale-di-Lahemaa-jagala-waterfall

Le Cascate di Jägala non si trovano proprio all’interno del territorio del parco ma appena al di fuori: arrivando da Tallinn si incontrano poco prima di raggiungerlo.

In realtà, chi si aspetta un salto d’acqua spettacolare, come si è soliti intendere una cascata, ha di che rimanere deluso: l’altezza è infatti di soli otto metri, considerevole solo se rapportata al territorio totalmente pianeggiante dell’Estonia.

Sono invece piuttosto estese in larghezza, oltre 60 metri, e possiedono la singolare caratteristica di un’acqua non limpida ma dal colore giallo / ruggine, dovuto al passaggio del fiume attraverso le paludi ricche di torba. Nei mesi più freddi, la cascata si trasforma in una scultura di ghiaccio, ideale per arrampicarsi.

 

02 Palude di Viru ⭐
Palude

palude-di-viru-lahemaa-estonia

La Palude di Viru è una vasta area paludosa di torba acida, che costituisce un paesaggio naturale insolito, affascinante e suggestivo, tra i più belli di tutto il parco di Lahemaa. Si tratta di una distesa di piccoli laghi alternati a zone fangose, dove l’acidità elevata dell’acqua ha consentito lo sviluppo di tutte quelle piante che si trovano bene in un habitat acquitrinoso di questo tipo, soprattutto rosmarino, muschio e piccoli sempreverdi.

Per addentrarsi da vicino nell’atmosfera della palude, l’ideale è percorrere il sentiero guidato, costituito da una lunga serie di passerelle in legno: una passeggiata forse un po’ precaria a causa del terreno umido e instabile, che permette però di percepire le sfumature di colore, gli odori particolari e l’incessante movimento del fango.

Come avviene non di rado nelle antiche torbiere, pare che anche anche qui siano state ritrovate diverse mummie di palude, corpi umani molto ben conservati, solitamente suicidi oppure vittime di omicidi, esecuzioni o sacrifici.

 

03 Penisola di Käsmu ⭐
Villaggio

kasmu-lahemaa-national-park

Käsmu è un antico villaggio di epoca quattrocentesca che vanta un’importante tradizione marinaresca dovuta alla presenza di una scuola per capitani di lungo corso attiva fino agli anni Trenta. In passato in tutte le famiglie residenti a Käsmu era presente almeno un marinaio.

Oggi, i viaggiatori che transitano nel parco di Lahemaa hanno la possibilità di fermarsi sulla spiaggia di Käsmu e conoscere la storia e le tradizioni del borgo visitando il piccolo museo marittimo.

Tutta la penisola di Käsmu si può percorrere interamente a piedi lungo una suggestiva passeggiata che unisce il mare al bosco, inoltrandosi tra antiche rovine, pinete e perfino un lago, fino a raggiungere Saartneem (l’Isola del Diavolo).

Lungo il sentiero, a circa 6 Km dal villaggio di Käsmu, si incontra una grande distesa di massi erratici: si tratta di enormi blocchi di roccia risalenti all’era glaciale, attorno ai quali si sono sviluppate storie fantastiche e leggende.

 

04 Sentiero Naturalistico di Oandu ⭐
Trekking

oandu-lahemaa-trekking-

Il sentiero naturalistico di Oandu è un percorso di trekking lungo circa 5 chilometri, costituito da una passerella in legno che si addentra tra il verde della foresta. È la passeggiata ideale per gli appassionati della natura: oltre ad una serie di informazioni didattiche, lungo il percorso sono ben visibili le tracce lasciate dagli animali che vivono liberi all’interno del parco.

L’itinerario si svolge però in una sola direzione: chi viaggia in auto deve quindi parcheggiarla al punto di partenza e percorrere il sentiero sia in andata che in ritorno. L’alternativa è quella di tornare in autobus da Altja, il villaggio di pescatori, informandosi preventivamente sugli orari delle corse, poiché sono piuttosto rare.

 

05 Sentiero dei Castori
Trekking

sentiero-dei-castori-lahemaa

Il Sentiero dei Castori è un altro percorso di trekking adatto a tutti, molto breve e molto semplice, che si sviluppa lungo il corso di un piccolo torrente. Porta questo nome perché i più fortunati riescono talvolta a vedere i castori al lavoro, e sono comunque visibili le loro dighe. É lungo circa un chilometro e segue un percorso circolare, terminando al punto di partenza: ideale quindi anche per chi viaggia in auto.

 

06 Borgo dei Pescatori di Altja ⭐
Villaggio

altja-villaggio-pescatori-lahemaa

Giunti al termine del percorso di trekking che parte da Oandu si arriva ad Altja, un pittoresco e antico borgo di pescatori. Il villaggio di Altja è costituito da un gruppo di piccole e deliziose case in legno, che offrono l’impressione di trovarsi in un’altra epoca.

É il luogo migliore per trascorrere qualche ora in tutta tranquillità e per gustare le migliori specialità della cucina estone proposte dal ristorante tipico Altja Kõrts.

 

07 Tenuta Palmse
Palazzo

palmse-estonia-lahemaa

La Tenuta Palmse è un’antica stazione della posta, dove si sono avvicendati diversi proprietari fino all’istituzione del Parco di Lahemaa. Cuore della tenuta è il bellissimo maniero barocco settecentesco, aperto al pubblico e circondato da un ampio parco ricco di specchi d’acqua e da un frutteto. L’ex rimessa delle carrozze della Tenuta Palmse offre il servizio di albergo.

 

08 Loksa e Võsu
Villaggio

võsu-lahemaa-estonia

Loksa e Võsu sono i due maggiori centri abitati situati all’interno del Parco Nazionale di Lahemaa, anche se in realtà gli abitanti sono poche migliaia.

Loksa risale al tardo Ottocento ed è affacciata su una piccola baia e Võsu si trova a breve distanza da essa. Entrambe le cittadine sono molto frequentate durante i mesi estivi, soprattutto Võsu, dove si trova una vasta spiaggia, molto affollata, e molto rumorosa, per tutta la bella stagione.

 

09 Viinistu
Villaggio

viiinistu

Viinistu è un minuscolo borgo situato alla sommità della penisola di Pärispea. Sarebbe praticamente sconosciuto se non custodisse un magnifico e sorprendente museo d’arte, creato dal collezionista Jaan Manitski. Il museo ospita una raccolta di opere d’arte in continua evoluzione, dedicata ai maggiori artisti estoni sia classici che contemporanei, imperdibile per gli intenditori ma molto piacevole per chiunque. Accanto al museo si trova anche un piccolo albergo.

 

COME RAGGIUNGERE LAHEMAA

Il Parco Nazionale di Lahemaa si trova ad una distanza di poco più di 60 Km da Tallinn, e rappresenta uno dei territori naturali più estesi e importanti di tutta l’area baltica. Per percorrere il tragitto da Tallinn fino al parco è possibile scegliere tra diverse modalità, in base al tempo e al budget disponibili.

Il mezzo più economico è indubbiamente il trasporto pubblico via bus. É però necessario tenere conto degli orari, soprattutto se si pensa non trattenersi a lungo nel parco, poiché le corse non sono più di due al giorno. Generalmente sconsigliamo di muoversi via bus, perché è molto difficile riuscire ad incastrare tutto ciò che è consigliabile vedere a Lahemaa.

L’alternativa è quella di usufruire di un taxi o di un’auto a noleggio: entrambe le soluzioni permettono di arrivare fino a Lahemaa con un costo più elevato nel primo caso. Un autista locale offre il vantaggio di avere sempre qualche scorcio particolare da mostrare, al di fuori degli itinerari turistici standard. Anche le compagnie di noleggio auto locali (tipo YesRent) però forniscono spesso indicazioni su cosa è consigliato visitare; se avete noleggiato l’auto in aeroporto e quanto contenuto in questa guida non vi basta il consiglio è quello di rivolgersi al centro informazioni turistiche di Tallinn: il personale è molto cortese e preparato.

Un’ultima soluzione, nonché una delle più gettonate, è quella di raggiungere Lahemaa tramite escursione giornaliera, organizzata da uno dei diversi  tour operator locali.

Per visitare il parco è più che sufficiente una giornata, ma per chi ama il contatto con la natura un’esperienza interessante è quella di trascorrervi almeno una notte.

 

TOUR ORGANIZZATI

Se non avete voglia di noleggiare un automobile e pianificare da voi la giornata di visita il nostro consiglio è sicuramente quello di prenotare un tour organizzato. Partendo da Tallinn è possibile trascorre un intera giornata al Parco Nazionale di Lahemaa con tanto di tappa alle cascate di Jägala.

 

DOVE DORMIRE A LAHEMAA

Trascorrere una notte al parco di Lahemaa è la scelta migliore per visitarlo con tranquillità ed è un’esperienza indubbiamente piacevole per chi ama stare a contatto con la natura.

Le possibilità sono diverse: è possibile dormire nell’albergo situato all’interno della Tenuta Palmse, nel bellissimo maniero di Sagadi, nel borgo di Viinistu accanto al museo, o in uno dei tanti residence e guesthouse disponibili in tutta la zona.



Booking.com

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.


© Copyright 2020 OnlineTravel  | Made with ♥ in Italy - P. IVA: 04021000981

 

Scroll To Top